Detrazione
Infissi
2020

QUALI VANTAGGI?

Detrazione Fiscale 50%

Nel momento in cui si progetta e pianifica, in termini di bilancio famigliare, opere di rinnovamento tese a migliorare l’efficienza energetica dell’abitazione principale, è importante sapere e conoscere dell’esistenza di alcuni interessanti benefici fiscali per alleviare il sacrificio economico.
Analizziamo e conosciamo meglio cos’è e come funziona la detrazione infissi.
Nel momento in cui si provvede alla sostituzione di finestre e porte di casa, si ha diritto infatti a godere di un’agevolazione che darà i suoi frutti al momento della dichiarazione dei redditi.
Il progetto di mantenere più isolata a livello termico l’abitazione, riducendo notevolmente la dispersione di calore, ed un conseguente risparmio in bolletta energetica, può prevedere la sostituzione degli infissi di casa.
Detrazione infissi 2020: come funziona il bonus fiscale
Lo sconto fiscale consiste in una detrazione dall’Irpef ripartita in 10 quote annuali, con rate di identico importo.
La detrazione, per lavori effettuati e pagati nell’anno solare 2020, comincerà dunque a partire dalla dichiarazione dei redditi 2021, per 10 anni consecutivi.
Con un esempio possiamo chiarire meglio i calcoli. Ammettiamo di aver speso €30000 complessivamente: si potrà portare ogni anno in detrazione €1500 per 10 anni (€15000 è pari al 50% del totale speso, ovvero €30000).

LEGGI DI PIù

Attenzione a considerare una cosa importante: nel caso in cui l’importo da detrarre sia maggiore dell’importo IRPEF da versare, il contribuente non potrà in alcun modo riportare l’eccedenza all’anno successivo o chiederne il rimborso.
Detrazioni infissi 2020: modalità di pagamento
Per quanto riguarda la modalità di pagamenti determinanti per usufruire delle detrazioni, esiste una distinzione: chi non è titolare di reddito di impresa deve effettuare il pagamento delle spese sostenute mediante bonifico bancario o postale, cosiddetto parlante;
chi è titolare di reddito di impresa è esonerato dall’obbligo di pagamento mediante bonifico parlante. In questo caso, dovrà fornire altro tipo di documentazione idonea, come ricevuta del pagamento con bancomat o carta di credito.
In ogni caso, qualunque sia il metodo di pagamento, devono risultare chiare le seguenti informazioni:
causale del versamento, con riferimento alla norma (articolo 16-bis del Dpr 917/1986)
codice fiscale del beneficiario della detrazione
codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento
numero e data della fattura
Detrazioni infissi 2020: invio documentazione ENEA
Una volta terminati i lavori ed effettuati i pagamenti, occorre effettuare l’operazione di invio dei documenti all’ENEA, l’ente preposto a tale funzione.
I dati devono essere trasmessi entro 90 giorni da fine lavori. Nell’articolo Enea ecobonus modulo compilazione si possono trovare tutti i chiarimenti del caso su come inserire correttamente i dati per godere della detrazione fiscale in occasione della dichiarazione dei redditi.

I dati devono essere trasmessi entro 90 giorni da fine lavori. Nell’articolo Enea ecobonus modulo compilazione si possono trovare tutti i chiarimenti del caso su come inserire correttamente i dati per godere della detrazione fiscale in occasione della dichiarazione dei redditi.

Contattaci per info